NEWS DAL MONDO
GIOVEDÌ 25 FEBBRAIO 2021 10:55 « Indietro
LA CRONACA DEL GIORNO DEI CARABINIERI

Trani (BT). Utilizzavano un minore per il trasporto di droga. Un arresto e tre denunce.

 

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trani hanno condotto una proficua operazione antidroga, traendo in arresto una persona e denunciando in stato di libertà altre tre, ritenute responsabili di grave violazione in materia di stupefacenti.

Nella rete tesa dagli investigatori è caduto S.A, 23enne, il quale veniva trovato in possesso di 5 dosi di marijuana, mentre era in compagnia di un 21enne, con il compito di “cassiere”. Immediate le perquisizioni nei luoghi di residenza e di domicilio dei due, che portavano alla scoperta dell’esistenza di una vera e propria organizzazione a conduzione familiare.

Infatti, durante una delle perquisizioni, veniva fermata la madre del 21enne la quale, aveva inviato il figlio minore di anni 14, presso l’abitazione della mamma del 23enne, al fine di portar via lo stupefacente che la donna e il figlio gestivano.

I militari, recatisi a casa di S.A. per procedere alla perquisizione domiciliare, incrociavano sulle scale dell’immobile il minore, precedentemente identificato, il quale portava con sé uno zainetto nero che aveva appena prelevato, contenente 130 grammi di marijuana divisa in 114 dosi, confezionate nello stesso modo di quelle rinvenute sulla persona di S.A.

La successiva perquisizione presso l’abitazione della madre del 23enne permetteva di rinvenire e sequestrare altresì una pistola scacciacani, mancante del tappo rosso.

Per tale ragione, S.A. veniva tratto in arresto è condotto presso la propria residenza, mentre le due donne e il figlio maggiorenne venivano deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica. Per quanto concerne il minore, la vicenda è stata segnalata alla competente Procura dei Minori di Bari.

 

Gravina in Puglia (BA).  Scatenano una rissa in strada. Arrestate 4 persone.

 

Poteva avere più gravi conseguenza la rissa che si è verificata in pieno giorno nel centro abitato di Gravina in Puglia, alla quale hanno partecipato quattro persone tutte del luogo, se non fosse stato per i Carabinieri della locale Stazione, prontamente intervenuti per calmare gli animi esagitati e per ricostruirne successivamente i motivi.

La vicenda, dai contorni shakespeariani, è stata presto chiarita una volta che sono state identificate le parti coinvolte. Da un lato il padre e il rispettivo figlio, dalla controparte, il padre e la rispettiva figlia che si erano dati appuntamento per delineare i contorni di una relazione sentimentale osteggiata dalle famiglie e che aveva come protagonisti il giovane, che ha preso parte alla rissa, e un’altra figlia dell’altro genitore intervenuto all’incontro. Più che definire in modo civile la vicenda, i contendenti sono ben presto passati alle vie di fatto e hanno quindi dato corso a una violenta rissa, che i Carabinieri, con non poca fatica, sono riusciti a sedare. Tutti hanno riportato lesioni lievi, fatta eccezione per la giovane che ha, addirittura, subìto la frattura di un dito della mano. Non solo. L’attività svolta dai militari sul posto ha consentito di recuperare un martello del quale si è accertato l’utilizzo da parte del giovane che ha preso parte alla rissa e pertanto sottoposto a sequestro. La gravità del fatto, i futili motivi, nonché la personalità di tre soggetti coinvolti, gravati da precedenti di polizia, non hanno potuto evitare loro l’arresto per rissa, aggravata dalle lesioni e la sottoposizione agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


infotel: 080.5237410