NEWS DAL MONDO
SABATO 19 GIUGNO 2010 07:55 « Indietro
MAESTRO SACO: LA FORZA DI UN ARTISTA PUGLIESE
Savino Coppolella in arte “Saco”, un artista che nasce in un centro del Subappennino Dauno, Castelluccio Valmaggiore, in provincia di Foggia. Un artista che si è formato da solo, come auto-didatta, versatile e poliedrico, ha trovato sbocchi espressivi nella pittura, nella scrittura in generale ed in particolare nella poesia dopo un’infanzia difficile avendo anche incontrato difficoltà sul suo cammino, costretto su di una sedia a rotelle sin da fanciullo. Un uomo che condivide da anni la sua passione per la pittura con la donna che ha sposato e con la quale ha avuto due figli. Giovanna, che con molti sacrifici ha conseguito una laurea in decorazione ed arredo urbano presta attualmente servizio presso la scuola media Virgilio di Troia in qualità di assistente amministrativa inoltre, come si è detto, affianca il marito nella sua attività artistica appassionata lei stessa in prima persona di pittura. Una passione che ha portato ad entrambi non pochi frutti, Saco infatti ha partecipato a rassegne in tutta Italia e non solo; è stato anche all’estero (U.S.A., Germania, Spagna Francia, Svizzera, Belgio, Malta etc etc) ricevendo numerosi premi e riconoscimenti e catturando l’attenzione di personalità del mondo della pittura e letteratura, come Carlo Cassola, Cortina, Pietro Annigoni ed altri nomi illustri dell’arte mentre alcune delle sue opere sono nell’Archivio di Arte Moderna della Biennale di Venezia ed esposte in permanenza in diverse gallerie della penisola italiana. L’artista è stato invitato a prendere parte a diverse trasmissioni televisive tra cui “Piacere Rai Uno” ed “Uno Mattina”, ed ancora un noto critico d’arte, Oscar Iarussi, dice parlando di lui: “C’è una luminosa semplicità nelle tele di Savino “Saco” Coppolella, che si ispirano, di volta in volta, ad accadimenti storici o a un mondo onirico spesso radicati nella sua Terra. La pittura di Saco, infatti, prende le mosse dalla tradizione e si espleta nell’alveo figurativo e mimetico della realtà: i ragazzi del sud, le processioni nei paesi meridionali e Padre Pio, la grazia dell’infanzia e il fascino femminile, la memoria ancestrale della civiltà contadina. Tuttavia non disdegna, appunto, incursioni nella cronaca, ovvero nella tragica scansione degli eventi degli ultimi anni. Il tutto con un tocco sobrio e intenso, che dà del tu ai sentimenti veri ed emoziona. Uno sguardo limpido al servizio del cuore”. Il suo impegno e la sua costante ricerca non solo hanno superato le difficoltà impostegli dalla sua condizione fisica, ma si sono tradotti in un’attività che si protrae da oltre vent’anni accrescendo sempre il suo profondo e fine interesse per la condizione umana, indagata nei suoi vari aspetti dando alle sue opere un forte messaggio che spesso diventa un inno alla vita. VAI ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA http://www.lucaturi.it/saco/galleria/

infotel: 080.5237410