NEWS DAL MONDO
VENERDÌ 04 DICEMBRE 2020 03:40 « Indietro
CAMBIA L'APPALTO MA I LAVORATORI RISCHIANO DI RIMANERE PER STRADA. PROTESTA DEI TRASPORTATORI DI BOMBOLE DI OSSIGENO

Il settore dell’ossigenoterapia è sottosopra, l’Ugl Puglia ha proclamato lo stato di agitazione e un’assemblea sindacale retribuita, davanti alla Presidenza della Regione Puglia a Bari perchè a fine anno scade l’appalto per la fornitura e distribuzione delle bombole di ossigeno e, se tutto resta invariato, centinaia di addetti resteranno senza lavoro.

Puglia Life, Vitair, Balice Ossigeno e Balice Michele Ossimac, sono queste le aziende che si sono ritrovate per far sentire la loro voce forte e chiara al presidente della Puglia, Michele Emiliano, sordo alle proposte finora avanzate. 

Per molti pazienti, l'accesso alla bombole di ossigeno è vitale.

I dipendenti delle aziende appaltatrici utilizzate per la distribuzione di bombole di ossigeno (essenziali per chi esegue una terapia con l'ossigeno), hanno protestato dopo una serie di richieste d’incontro che abbiamo presentato  per cercare di garantire l’occupazione a circa 200 lavoratori che rischiano di rimanere a casa, perché è stato affidato un nuovo appalto, senza inserire la clausola di salvaguardia come previsto dalla legge regionale, della fornitura e della distribuzione dell’ossigeno.

Questi lavoratori operano da oltre 20 anni nel settore, le nuove società che si sono aggiudicate l’appalto pare che addirittura non abbiano il personale per poter soddisfare le esigenze dei cittadini. Quindi, la richiesta alla Regione dei sindacati è quella di ricollocare i lavoratori nelle nuove società aggiudicatarie.




infotel: 080.5237410