NEWS DAL MONDO
SABATO 16 SETTEMBRE 2017 08:54 « Indietro
PIANOFORTI IN RIVA AL MARE: LA SPIAGGIA DI TORRE QUETTA GREMITA DI GENTE

DI GAETANO CAROFIGLIO

Dalle 6 di questa mattina fino alle 8, sulla spiaggia di Torre Quetta, ci è stata un'anteprima del “Bari Piano festival” con il concerto a ingresso libero di Emanuele Arciuli, pianista barese di fama internazionale, che della rassegna curerà la direzione artistica.

“Un festival che nasce per colmare un gap, l’assenza di un festival di pianoforte in una città che ha il secondo conservatorio d’Italia per numero di iscritti, e per omaggiare lo strumento più bello che esista”, ha dichiarato Silvio Maselli, che insieme al maestro Arciuli ha ideato questo evento. Il Bari Piano Festival si svolgerà tra agosto e settembre del 2018 e avrà come location principale Torre Quetta, confermando per i concerti la scelta dell’alba, il momento il cui la luce caccia le tenebre e annuncia un nuovo giorno. L’idea è che i concerti abbiano come scenografia il cielo, il mare e il sole che nasce, e il silenzio delle prime luci del giorno possa consentire al pubblico di godere appieno della potenza della musica. “Questo festival - ha proseguito Maselli - è perfettamente coerente con una delle idee più forti di questa amministrazione: ricucire il legame della città con il mare e far vivere il nostro litorale a tutte le ore del giorno. Avere al nostro fianco uno dei pianisti più apprezzati del mondo, barese, per giunta, è la chiave di un evento che vuole invitare il pubblico ad un’esperienza di fruizione importante e impegnativa. Nelle prossime settimane definiremo il quadro amministrativo e organizzativo del festival, che contiamo di presentare al pubblico e alla stampa agli inizi del 2018. Al nostro fianco c’è Christian Calabrese con il gruppo Ideazione che gestisce la spiaggia di Torre Quetta, e che si è offerto a titolo gratuito di curare l’organizzazione e la logistica di questa anteprima, a conferma del fatto che la sensibilità e l’intelligenza di un privato possono essere di grande sostegno a un’iniziativa di carattere pubblico”. Il concerto di iniziato all'alba di oggi è stato un omaggio alla musica americana del Novecento, legata al minimalismo e al post minimalismo. Il programma non è ancora definito: quello che è certo è che si aprirà con un brano del 1946: “In a landscape” di John Cage, una figura eroica della musica del Novecento, un compositore che ha aperto la fruizione della musica a pubblici completamente diversi da quello tradizionale. “Un compositore - ha sottolineato Angiuli - particolarmente importante per la mia storia personale e professionale”.




infotel: 080.5237410