NEWS DAL MONDO
MERCOLEDÌ 13 SETTEMBRE 2017 19:02 « Indietro
SPECCHIA (LE): RINVENUTO IL CADAVERE DELLA SEDICENNE NOEMI DURINI
IL FIDANZATO: L'HO UCCISA IO..

 

DI GAETANO CAROFIGLIO

Il fidanzatino 17enne di Noemi Durini ha confessato di aver ucciso la ragazzina di 16 anni scomparsa il 3 settembre scorso. Il giovane ha accompagnato gli inquirenti sul luogo in cui si trovava il cadavere, buttato in un pozzo a Castignano del Capo ( Lecce). Il corpo, secondo quanto si è appreso, è stato rinvenuto dai carabinieri della
Stazione di Specchia nel comune di Castrignano del Capo, in località San Giuseppe, in una campagna adiacente alla strada provinciale per Santa Maria di Leuca, parzialmente occultato sotto alcuni massi.

Un malore avrebbe colpito i genitori di Noemi, presso la Prefettura di Lecce. In prefettura, dove alle 13.30 era prevista una conferenza stampa alla presenza dei genitori della ragazzina, è giunta un'ambulanza. 


L'iscrizione del nome del 17enne nel registro degli indagati è stata disposta dopo l'analisi delle dichiarazioni rese dal minorenne ai carabinieri dopo la scomparsa di Noemi e sulla base degli elementi finora raccolti dagli investigatori, coordinati dal pm del Tribunale per i minorenni Anna Carbonara. Più volte interrogato dopo la scomparsa della giovane, il fidanzatino ha fornito dichiarazioni contraddittorie. Inoltre - si apprende da fonti inquirenti - si è deciso di ipotizzare il reato più grave di omicidio volontario rispetto alla prima ipotesi (contro ignoti) di sequestro di persona, perché vi era la necessità investigativa di procedere ad accertamenti tecnici invasivi.


infotel: 080.5237410